SPECIALISTERNE NETWORK

International Specialisterne Community

Specialisterne Foundation

Specialisterne Foundation is a not-for-profit foundation with the goal to generate meaningful employment for one million autistic/neurodivergent persons through social entrepreneurship, corporate sector engagement and a global change in mindset.

SPECIALISTERNE FOUNDATION

l
l

Lo stigma sociale nelle persone autistiche

Apr 14, 2023

Sulla base di ciò che viene considerato normale o corretto in diversi contesti sociopolitici, esiste una discriminazione nei confronti di un’ampia varietà di gruppi: persone LGBTQIA+, persone razzializzate, persone psichiatrizzate, autistiche o con disabilità fisiche, e altri.

Tutte hanno rivendicazioni specifiche, ma hanno anche qualcosa in comune: lo stigma sociale che subiscono in ambiti e situazioni differentu a causa della loro appartenenza a un gruppo che, da una posizione di privilegio, è percepito come inferiore, meno funzionale, sbagliato o addirittura riprovevole.

Il significato più diffuso oggi del termine ‘stigma’ è stato definito dal sociologo Erving Goffman nel 1963, e implica una forma di esclusione nei confronti di determinati gruppi che condividono una condizione, specifici attributi, tratti o comportamenti considerati inaccettabili o caratteristici di una categoria considerata inferiore rispetto alla maggioranza.

Al vertice di questa piramide del prestigio sociale troviamo gli uomini bianchi cisgender, eterosessuali, di classe sociale medio-alta, con un’istruzione superiore e corpi considerati nella norma. Tuttavia, mentre ci allontaniamo da questo centro, da questa astratta scala di desiderabilità che ci sfida in tutte le nostre interazioni, acquisiamo etichette e riceviamo trattamenti discriminatori per non essere sufficientemente “funzionali”, o “stabili”, o “colte”. ”, o “magri”, in una spirale discendente di intersezionalità di oppressioni che influenzeranno la nostra autostima, il nostro rapporto con gli altri e persino il diritto di accedere alle stesse opportunità del resto della popolazione.

Discriminazione sociale e ciclo dello stigma

Secondo Goffman, esistono tre tipi di stigma: fisico (dovuto ad alterazioni organiche o corporee visibili), psicologico (subito da individui con comportamenti e tratti di personalità non normativi) e sociale (discriminazione basata sulla nazionalità, religione o orientamento sessuale, ecc.).

Nell’autismo si parlerebbe sostanzialmente di stigma sociale, dovuto alla disinformazione e ai pregiudizi della società a maggioranza neurotipica, che attribuisce una serie di tratti alle persone autistiche invece di lasciarle essere, manifestando di fatto quegli stereotipi che nell’immaginario collettivo descrivono cosa significhi essere “autistici”. Tuttavia, noi persone autistiche subiamo anche uno stigma psicologico quando esprimiamo il nostro disagio o anche la nostra gioia in modi non convenzionali.

Infine, e prima di entrare in esempi specifici, è necessario chiarire alcuni concetti di base: gli stereotipi si basano su processi cognitivi e si riferiscono a conoscenze o credenze su un determinato gruppo sociale; i pregiudizi sono i sentimenti che queste considerazioni provocano in noi e che, a loro volta, possono dar luogo a commenti e qualificazioni sfavorevoli nei confronti del gruppo stigmatizzato, e la discriminazione comprenderebbe tutti gli atti specifici, velati o meno, di rifiuto o esclusione. Questi tre concetti, che peraltro si alimentano a vicenda, compongono il ciclo dello stigma.

Stigma legato al contatto visivo

Secondo uno studio (Gillespie-Lynch et al., 2020), spiegare le ragioni alla base di determinati comportamenti si traduce in una riduzione dello stigma. Per questo è importante rendere visibile l’autismo, anche e soprattutto attraverso il racconto in prima persona, abbattere miti e stereotipi, esprimere le nostre preoccupazioni, informare ed educare la società a combattere lo stigma.

Ad esempio, noi persone autistiche spesso proviamo disagio nel mantenere il contatto visivo; sentiamo che è troppo invadente, non riusciamo a concentrarci su ciò che ci viene detto perché dobbiamo badare a troppi stimoli, non riusciamo a formulare una risposta se spendiamo le nostre energie nel sostenere lo sguardo dell’interlocutore.

Per i neurotipici, invece, non stabilire un contatto visivo è segno di maleducazione, disinteress, di disonestà o di slealtà, è mancanza di attenzione.

Non sapendo cosa si nasconda realmente dietro questo atto che le persone neurotipiche di solito eseguono in modo naturale, nasce lo stigma la cui origine è il non conoscere. Si attribuiscono così una serie di spiegazioni e descrizioni spesso ingiuste, sfavorevoli e non rispondenti alla realtà che disumanizzano chi diventa “altro” perché non si comporta come ci si aspetterebbe. La persona autistica viene relegata così in una categoria sociale inferiore secondo la quale “quegli altri” (coloro che non si guardano negli occhi, come, ad esempio molte persone autistiche) sono bugiardi, sprovveduti, maleducati.

Meltdown e shutdown

Un altro esempio potrebbe essere trovato nel mito che vede le persone autistiche come violente. Questo è qualcosa di aneddotico e poco frequente – sappiamo che una persona autistica ha molte più probabilità di essere vittima che aggressore – ma lo stigma sovradimensiona comportamenti residuali e li trasforma nella norma, come se l’intero gruppo autistico condividesse gli stessi tratti, ignorando completamente che l’autismo è uno spettro ed è caratterizzato dalla stessa variabilità di tratti che caratterizza le persone neurotipiche.

È vero che possiamo avere meltdown e shutdown, ma dobbiamo approfondire le cause e l’origine di questo disagio, di quelle stereotipie o attacchi di ansia, delle urla, invece di pensare che siamo “troppo rigidi ”, “capricciosi”, “immaturi”, “maleducati” o addirittura “violenti”. Soprattutto l’idea che la persona autistica sia violenta è priva di fondamento e, come già detto, la violenza è residuale e quando si verifica in molti casi avviene sotto forma di autolesionismo.

Questo è una delle nostre modalità di superare un sovraccarico sensoriale, cognitivo o emotivo, un modo di comunicare, di chiedere aggiustamenti e misure e, in definitiva, di sfogarci per continuare a sopravvivere un altro giorno in questo sistema.

Empatia ed emozioni differenti

Un’altra convinzione diffusa è che le persone autistiche non abbiano empatia, e anche questo è falso. Semplificando molto, questo mito è dovuto al fatto di avere uno stile di elaborazione del mondo diverso, oltre a divergere in pragmatismo o modalità di espressione emotiva. Di fronte al problema di un amico, è probabile che una persona autistica sia pronta a offrire consigli e soluzioni, invece di mostrare affetto o supporto emotivo, mentre quest’ultimo è ciò di cui la persona neurotipica ha probabilmente bisogno.

Esiste, quindi, come propone il ricercatore Damian Milton, un problema di “doppia empatia”, che funziona in entrambe le direzioni, poiché anche le persone neurotipiche non comprendono come funziona il cervello autistico e, quindi, non sanno come aiutarci in molteplici situazioni. Allo stesso modo, le persone autistiche potrebbero non comprendere i neurotipici e percepire determinati atteggiamenti come ostili, anche quando non è così; dobbiamo capire che la neurodiversità è estremamente ricca, varia e complessa, e combattere insieme contro stereotipi, pregiudizi e stigma.

Commenti abilisti

Lo stigma ci porta a subire commenti spiacevoli e forme di discriminazione sottili o esplicite; ad esempio, isolando i bambini autistici come se si temesse che l’autismo sia contagioso, oppure attraverso lamentele abiliste sul fatto che possiamo avere accesso ai parcheggi riservati alle persone con disabilità.

Molte persone autistiche hanno assistito a quegli sguardi di disapprovazione, hanno ricevuto commenti spiacevoli, persino insulti per avere quei “privilegi” di cui, secondo alcune persone – e qui riappare lo stigma – non avremmo diritto. Come se questi “privilegi” non fossero che concessioni minuscole e insufficienti rispetto a tutti gli accomodamenti, riadattamenti e aiuti pubblici di cui avremmo bisogno per vivere alla pari con la società neurotipica. A volte ci sentiamo dire che determinate richieste sono un “capriccio” o un “desiderio di attirare l’attenzione”, ma non è così: il rumore può causare reale sofferenza, determinati tessuti ci provocano addirittura dolore, le temperature estreme ci fanno male. Ma, soprattutto, i pregiudizi ei commenti delle persone ci feriscono.

Per combattere la disinformazione, la diagnosi può essere un ottimo alleato. Ci permette di comprenderci, di incontrare più persone come noi, di liberarci dal senso di colpa di essere diversi, di perdonare noi stessi. E, attraverso questa conoscenza di noi stesse e di noi stessi, possiamo fare attivismo, spiegare agli altri le ragioni dietro i nostri comportamenti in modo che possano capirli e così, a poco a poco, eliminare lo stigma verso l’autismo.

[Articolo di Montse Bizarro, Specialisterne España]

Bibliografia
Gillespie-Lynch, K., Daou, N., Obeid, R., Reardon, S., Khan, S., & Goldknopf, E. J. (2021). What Contributes to Stigma Towards Autistic University Students and Students with Other Diagnoses?. Journal of autism and developmental disorders, 51(2), 459–475. https://doi.org/10.1007/s10803-020-04556-7

Goffman, Erving (1986 [Ed. original 1963]). Estigma. La identidad deteriorada. Buenos Aires: Amorrortu. ISBN 950-518-016-0.

Mak, W. W., Cheung, R. Y., Law, R. W., Woo, J., Li, P. C., & Chung, R. W. (2007). Examining attribution model of self-stigma on social support and psychological well-being among people with HIV+/AIDS. Social science & medicine, 64(8), 1549-1559.

Sasson, N. J., Faso, D. J., Nugent, J., Lovell, S., Kennedy, D. P., & Grossman, R. B. (2017). Neurotypical peers are less willing to interact with those with autism based on thin slice judgments. Scientific reports, 7(1), 1-10.

Zhang, Z., Peng, P. & Zhang, D. Executive Function in High-Functioning Autism Spectrum Disorder: A Meta-analysis of fMRI Studies. J Autism Dev Disord 50, 4022–4038 (2020). https://doi.org/10.1007/s10803-020-04461-z