SPECIALISTERNE NETWORK

International Specialisterne Community

Specialisterne Foundation

Specialisterne Foundation is a not-for-profit foundation with the goal to generate meaningful employment for one million autistic/neurodivergent persons through social entrepreneurship, corporate sector engagement and a global change in mindset.

SPECIALISTERNE FOUNDATION

l
l

Donne autistiche nelle professioni STEM

Mar 24, 2023

Per iniziare questo articolo, vorrei proporvi alcuni dati piuttosto sorprendenti: dei 2.095 miliardari che esistono nel mondo, secondo la lista di Forbes, solo 244 sono donne; per quanto riguarda il numero di amministratori delle società IBEX 35, solo il 30% degli incarichi è ricoperto da donne; da quando il Premio Nobel è stato istituito nel 1901, lo hanno ricevuto solo 57 donne, contro 873 uomini.

Il femminismo ha fatto grandi progressi e si stanno realizzando cambiamenti positivi in questioni importanti come l’abbattimento del “soffitto di cristallo” o la riduzione del divario retributivo di genere, ma dati come quelli sopra ci mostrano che dobbiamo insistere con veemenza su questa affermazione: c’è ancora un molta discriminazione contro le donne in tutti i settori, e questi ostacoli sono accentuati se parliamo di carriere e professioni STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica).

In Spagna, secondo il Libro bianco sulle donne nella tecnologia, il numero di donne iscritte in facoltà STEM non supera il 37% e, peggio ancora, solo il 16% dei professionisti STEM sono donne. Quest’ultimo dato è molto significativo, poiché ci informa di una rottura, di una rassegnazione o di un abbandono (il 21% di queste studenti è lasciato indietro, non sa o non vuole lottare contro il sessismo sul lavoro, il mancato riconoscimento, gli ostacoli alla conciliazione familiare), di un accesso molto complicato al mondo del lavoro STEM per le donne.

Tuttavia, una volta che entrano all’università, il loro rendimento scolastico è generalmente superiore a quello degli uomini e i tassi di abbandono sono inferiori. Appare quindi chiaro che il problema non è una questione di capacità o mancanza di perseveranza negli studi, ma che gli ostacoli per l’accesso delle donne al lavoro STEM sono multifattoriali, e sono più legati alla disuguaglianza di opportunità e ad altri sottili (e neanche così sottili ) forme di esclusione sociale.

Perché non ci sono donne nel settore STEM?

Abbiamo già detto che la carenza di donne in ambito STEM rispondoe a cause molteplici e molto varie, ma possiamo analizzarne alcune. Culturalmente, il ruolo delle donne è sempre stato legato al lavoro domestico, alla cura e all’insegnamento, e quindi è comprensibile che, ancora oggi, ragazze e adolescenti continuino a privilegiare le carriere nell’istruzione, nelle scienze sociali, nelle arti e nelle discipline umanistiche (in quest’ordine).

Lo studio ” Why don’t more girls choose to pursue a science career?” elaborato dall’OCSE, indica altri motivi oltre all’influenza dei tradizionali ruoli di genere: l’auto-percezione delle donne nella prospettiva di studiare un carriera scientifica (credono di non esserne capaci, in gran parte per aver sentito dire troppe volte che non lo sono) o l’influenza dell’ambiente familiare ed educativo.

Molto indicativi sono anche la famosa sindrome dell’impostore, la quasi totale assenza di riferimenti femminili di successo nel campo della scienza, gli stereotipi di genere e la competitività del campo STEM (e il disprezzo degli uomini appena vedono una partner femminile che non ritengono in grado di “essere all’altezza”) o il mancato riconoscimento attraverso uno stipendio dignitoso, ma anche promozioni, avendo le stesse opportunità di accedere a posizioni dirigenziali.

Infine, va considerato un concetto molto interessante chiamato “grafico a forbice”; ciò si riferisce al fatto che le donne nell’ambito STEM accedono a posizioni basse e precarie, mentre i lavori meglio pagati e riconosciuti vengono occupati dagli uomini. Ciò può essere spiegato dal fatto che più avanziamo nella carriera professionale, più è difficile per le donne prosperare, soprattutto se desiderano avere figli o se i loro colleghi o diretti superiori non credono nelle loro capacità.

Per invertire questa situazione, ci sono alcune iniziative che, sebbene ancora insufficienti, sembrano prendere sul serio la necessità di aumentare la partecipazione delle donne nel campo STEM. Alcune di esse consistono nel migliorare le politiche di conciliazione (orari flessibili nelle diverse posizioni, rendere possibile il telelavoro, ecc.), eliminare i pregiudizi di genere negli studi e rendere neutri i contenuti delle carriere scientifiche, renderle attraenti per tutti, fornire un orientamento all’offerta scolastica e professionale adeguato e inclusivo, sviluppare le capacità di gestione delle donne o dare maggiore visibilità alle donne leader nelle carriere STEM.

Ci sono più donne autistiche nelle STEM?

Non esistono praticamente studi che parlino di donne autistiche nel mondo del lavoro, ed è ancora più difficile trovare dati che ci guidino su specifiche aree di specializzazione, ma sembra difficile per le donne autistiche accedere facilmente a lavori STEM. Oltre alle barriere che incontreranno durante la loro carriera semplicemente perché sono donne, come abbiamo spiegato in precedenza, devono affrontare ambienti non adatti alle loro esigenze (eccesso di stimoli, relazioni sociali confuse, ecc.) e team competitivi poco inclusivi o rispettosi delle differenze.

Inoltre, è molto probabile che le donne autistiche raggiungano l’età adulta con problemi di salute mentale e con un’autostima bassa o estremamente danneggiata anche a causa di un eccessivo mascheramento, e questo diminuirà la loro capacità di rivendicare il proprio diritto di appartenenza al mondo STEM, per difendere il proprio valore e la propria capacità, per lottare quotidianamente contro l’oppressione sistemica del patriarcato.

Tuttavia, e nonostante questa cospicua assenza di articoli o studi sulle donne autistiche nelle STEM, ci sono alcuni fatti interessanti da evidenziare. Secondo un recente esperimento condotto in Inghilterra, con oltre mezzo milione di partecipanti, le persone (sia uomini che donne) che lavorano in professioni scientifiche hanno maggiori probabilità di avere tratti autistici. Cioè, gli autistici sono, in confronto, le persone che si specializzano maggiormente in STEM. Qualità condivise da un gran numero di persone autistiche come l’attenzione ai dettagli, la memoria a lungo termine o il perfezionismo le rendono particolarmente competenti nelle carriere STEM.

Inoltre, in uno studio simile dell’Università di Cambridge gli uomini, in media, hanno ottenuto punteggi inferiori rispetto alle donne in termini di empatia e le donne hanno ottenuto punteggi inferiori nei tratti sistemici e autistici. Queste differenze di genere in termini di sistematizzazione, tuttavia, sono state ridotte nelle persone autistiche, poiché le donne hanno aumentato il loro punteggio. Cosa possiamo estrarre da questo? Che le donne autistiche, rispetto alle donne neurotipiche, presentano punteggi più alti nei compiti di sistematizzazione e attenzione ai dettagli, con cui possiamo dedurre che esiste la possibilità che siano più efficienti nei lavori STEM, che richiedono grandi capacità organizzative, di meticolosità, di perfezionismo . Ma è un po’ affrettato trarre conclusioni di questo genere; abbiamo bisogno di più studi e dati statistici sulle donne autistiche.

Bibliografia

Greenberg D M, Warrier V, Allison C, Baron-Cohen S et al. (2018). Testing the Empathizing–Systemizing theory of sex differences and the Extreme Male Brain theory of autism in half a million people. Edited by Leda Cosmides, University of California, Santa Barbara, CA, and accepted by Editorial Board Member Michael S. Gazzaniga.

Mateos S., y Gómez C (2019): Libro Blanco de las mujeres en el ámbito tecnológico. Madrid: Secretaría de Estado para el Avance Digital, Ministerio de Economía y Empresa.

Mostafa, T. (2019): «Why don’t more girls choose to pursue a science career?», PISA in Focus, 93, OECD Publishing.

OCDE (2015): Students, Computers and Learning. Making the Connection, OECD Publishing.

Ruzich E, Allison, C, Chakrabarti B, Smith P, Musto H, Ring H, et al. (2015) Sex and STEM Occupation Predict Autism-Spectrum Quotient (AQ) Scores in Half a Million People. PLoS ONE 10(10): e0141229.

Unesco (2019): Descifrar el código: la educación de las niñas y las mujeres en ciencias, tecnología, ingeniería y matemáticas (STEM).

[Articolo di Montse Bizarro, Specialisterne España]