SPECIALISTERNE NETWORK

International Specialisterne Community

Specialisterne Foundation

Specialisterne Foundation is a not-for-profit foundation with the goal to generate meaningful employment for one million autistic/neurodivergent persons through social entrepreneurship, corporate sector engagement and a global change in mindset.

SPECIALISTERNE FOUNDATION

l
l

ESG: Dobbiamo parlare di neurodiversità

Dic 16, 2022

In un mercato del lavoro concorrenziale come quello in cui viviamo, le aziende cercano modi diversi per rimanere competitive.

Le imprese hanno infatti capito che il modo in cui comunicano con la società sostenendo cause diverse, investendo risorse in progetti e associando i propri brand a determinate iniziative, ha un impatto diretto sul valore del brand in relazione al mercato in cui opera.

Oggi parliamo di ESG, che è l’acronimo in inglese di “Environmental, Social and Governance” (ambientale, sociale e di governance). Questo termine inizia a essere usato come modello per valutare i possibili investimenti, in relazione alla sostenibilità, se la governance è adeguata o meno, e qual è l’impatto sociale che le aziende provocano nella società, a seconda della loro attività.
Ad esempio, se ho un’azienda che inquina un fiume danneggiando l’intero ambiente, la sua immagine sarà contrassegnata negativamente con conseguente svalutazione dell’azienda. Situazioni di razzismo che possono verificarsi all’interno attività che lavorano a contatto con il pubblico, ad esempio, causano gravi problemi legali in queste aziende, oltre all’incalcolabile impatto negativo sulla loro immagine. In altre parole, una situazione di discriminazione fa diminuire il valore dell’impresa, che perde mercato e consumatori, impattando così sul business.

Da ciò è partito un movimento in alcuni mercati azionari del mondo in cui le società che non hanno donne in posizioni di leadership, ad esempio, non possono operare, oppure le loro azioni ne risentono. È imperativo esaminare le questioni della diversità, dell’equità e dell’inclusione.

Quando parliamo di ESG, le questioni sociali e di governance sono direttamente correlate a questioni di diversità, equità e inclusione, e anche alla neurodiversità. Con “sociale”, ci riferiamo anche al modo in cui le aziende vedono i diritti umani, se hanno una politica chiara e trasparente su questi temi e programmi efficaci di diversità, equità e inclusione; programmi in cui disponiamo di diversi indicatori, che ci consentono di monitorare come tali questioni sono state gestite dall’azienda.

Un buon esempio è il Nasdaq (Borsa americana delle società tecnologiche) che ha approvato un progetto in cui tutte le società quotate devono avere nei propri consigli di amministrazione almeno due consiglieri appartenenti a categorie sottorappresentate, come una donna o una persona di colore, o con disabilità, LGBTQIA+. Vediamo già come le questioni di “governance” e “sociale” stiano cominciando a spingere le aziende a essere più diversificate.

Cosa c’entra ESG con l’inclusione delle persone autistiche nel mercato del lavoro?

Beh, molto! Quando si guarda alle questioni sociali e di governance, gli ESG ci danno l’opportunità di incoraggiare, contribuire e chiedere risultati in modo che tutte le aziende abbiano politiche di assunzione che consentano alle persone autistiche di partecipare, in condizioni di parità, ai processi di selezione. Come professionisti che lavorano per questa causa, abbiamo il diritto e il dovere di promuovere queste politiche affinché le persone neurodivergenti – autistiche, ADHD, dislessiche, ad esempio – abbiano opportunità di entrare e rimanere in azienda e costruire una carriera professionale.

Quando si parla della “S” di ESG, il sociale, abbiamo una grande opportunità affinché le persone autistiche, i familiari e chiunque sia impegnato nella causa, possa mostrare la questione alle aziende come possibilità di investimento a favore della qualità della vita delle persone nello spettro autistico, sia esso in campo educativo, sanitario o culturale. In questo senso, favorire la creazione di specifici gruppi di discussione sulla neurodiversità all’interno delle aziende può essere uno strumento importante affinché il tema sia sempre sul tavolo delle organizzazioni.

Infine, quando si parla di governance ESG, si fa riferimento anche ad aspetti di attrazione dei talenti, politiche di assunzione e gestione, inclusi i talenti neurodivergenti. Pertanto, affinché le aziende abbiano una gestione ESG completa, le persone neurodivergenti devono essere presenti in questa discussione e, soprattutto, devono far parte della forza lavoro di tutte le aziende, con tutta l’accessibilità necessaria per lavorare e sentirsi felici.