SPECIALISTERNE NETWORK

International Specialisterne Community

Specialisterne Foundation

Specialisterne Foundation is a not-for-profit foundation with the goal to generate meaningful employment for one million autistic/neurodivergent persons through social entrepreneurship, corporate sector engagement and a global change in mindset.

SPECIALISTERNE FOUNDATION

l
l

Il pensiero dicotomico nell’autismo

Feb 24, 2023

“Stai esagerando”, “sei troppo sensibile”, “prendi tutto come un attacco personale” sono frasi che molte persone autistiche (non tutte, ovviamente) sono abituate a sentirsi rivolgere.

Perché a volte ci viene attribuito un “eccesso di sensibilità”? In questo giudizio interverrebbero diversi fattori: la nostra letteralità, la labilità emotiva (la tendenza a passare da un estremo emotivo all’altro in modo piuttosto brusco), l’alessitimia (ovvero la difficoltà a riconoscere determinati stati emotivi) e un concetto chiamato pensiero dicotomico o polarizzato, che sarà oggetto di questo articolo.

Il pensiero dicotomico consiste nel concettualizzare il mondo, le esperienze e le relazioni sulla base di categorie ferree, rigide e, normalmente, esclusive o reciprocamente opposte. Secondo questo modo di pensare, è comune classificare gli altri come “amici o nemici”, sentire di aver miseramente fallito in un compito se non si è raggiunta la perfezione assoluta, o rifiutarsi di iniziare un progetto personale se non si è sicuro che sarai in grado di farlo portalo fino alla fine.

Avere certi pensieri dicotomici è frequente nella nostra società (così come lo è provare ansia di fronte a una situazione sconosciuta) ma, nella popolazione autistica, sembra che questa percentuale aumenti. Questo è abbastanza logico se guardiamo all’idiosincrasia autistica; la riduzione del mondo a determinate categorie inamovibili è una risposta adattativa all’imprevedibilità delle relazioni sociali, all’ambiguità che governa le nostre interazioni con gli altri e alla quantità schiacciante di stimoli che ci circondano.

Frustrazione e stanchezza mentale

Secondo Aaron Beck, uno degli iniziatori della terapia cognitiva, i pensieri riflettono la configurazione di una persona su sé stessa, la sua storia, le sue aspettative, le sue emozioni e comportamenti. Pertanto, il nostro modo di pensare influenza le nostre emozioni e queste, a loro volta, influenzano i nostri comportamenti. Questo avviene anche in modo inverso: le azioni hanno un impatto diretto sulla nostra configurazione mentale e sul nostro modo di sentire. Per questo motivo è molto comune che una persona con tendenza al pensiero dicotomico viva ogni evento anche con grande intensità emotiva (provando dolore autentico e genuino di fronte a un piccolo litigio, o eccessiva euforia di fronte a notizie piacevoli) , e che l’espressione di quell’emozione è ugualmente polarizzata (attraverso pianti inconsolabili o salti di gioia).

Nell’autismo, il pensiero dicotomico a volte ci impedisce di apprezzare le sfumature delle interazioni sociali (un commento negativo nei nostri confronti non implica necessariamente che quella persona ci odi), e un evento leggermente positivo può essere vissuto con la stessa intensità emotiva di una notizia spettacolare, senza poter stabilire una gerarchia di importanza (sia cognitiva che emotiva) tra un’esperienza e l’altra. Certo, tutte le persone autistiche sono diverse, ma questa tendenza a vivere tutto molto intensamente è abbastanza comune; l’emotività neurotipica, invece, di solito non raggiunge questi picchi di esaltazione, e anche il sentimento (qualunque esso sia) svanisce più lentamente, in modo meno brusco. Entrambi i modi di sentire e pensare sono validi, ma dobbiamo trovare un accordo tra tutti noi per vivere insieme in modo ottimale.

Il pensiero dicotomico, portato all’estremo, può essere dannoso? Ovviamente. Il costante desiderio di invarianza, la richiesta di precisione anche nelle conversazioni banali, l’intolleranza di opinioni che giudichiamo stupide o prive di logica, tra molte altre questioni, possono causare malintesi sociali e soprattutto creare conseguenze per la persona con una tale visione rigida del mondo. Compaiono allora frustrazione o irritabilità di fronte all’ingiustizia, cosa non necessariamente negativa ma che può essere causa di sofferenza, e persino sintomi depressivi.

Può essere utile cercare di rendere la nostra cognizione più flessibile per sopravvivere e avere una certa serenità della mente, per capire che non possiamo mai controllare tutto (questo mondo si basa, in larga misura, su regole implicite, su codici e regole sociali concordate) ma senza mai dimenticare la nostra identità, e anche chiedendo che le persone neurotipiche mostrino empatia verso di noi e facciano uno sforzo per specificare, essere espliciti, anticipare eventi spiacevoli, programmare. Perché, alla fine, senza uno sforzo reciproco tra tutte le persone, non c’è possibile convivenza.

Iperfocus, risoluzione dei conflitti

Il pensiero dicotomico fa parte di un particolare modo di percepire e sentire, e quindi è perfettamente valido. È vero che dovremmo cercare di rendere la nostra cognizione più flessibile se viviamo immersi in incomprensioni sociali per questo motivo e se, inoltre, ci provoca sofferenza, ma non dovremmo stigmatizzare nessuno per avere un’emotività e un modo di categorizzare il mondo che non si adegua agli standard neurotipici. Inoltre il pensiero polarizzato, come abbiamo già visto, risponde a una strategia di sopravvivenza adattiva, e ha anche aspetti positivi.

In che modo il pensiero dicotomico avvantaggia la persona autistica? È in molti casi un grande alleato dell’iperfocalizzazione, della risoluzione dei conflitti, del processo decisionale, della perseveranza per raggiungere obiettivi logici, plausibili e realistici. Se siamo capaci di immaginare le conseguenze estreme di qualcosa che dobbiamo risolvere (scartando le sfumature, i grigi, i dubbi che potrebbero offuscare il nostro giudizio), sarà molto più facile per noi deliberare, scegliere un’opzione che si adatti al nostro più profondo desideri. Inoltre, le persone con questo tipo di pensiero sono generalmente molto chiare sui propri gusti e preferenze, sono coerenti con sé stesse, difendono la giustizia e l’onestà sopra ogni altra cosa e hanno una grande logica interna.

Infine, vorrei commentare un pensiero dello psicologo Daniel Millán: il pensiero polarizzato è solitamente visto come un deficit o come una caratteristica disfunzionale perché è associato a crolli, stati di estremo abbattimento e spiacevoli espressioni di disagio. Tuttavia, questo tipo di pensiero funziona in entrambe le direzioni, e quindi la gioia è ugualmente intensa, traboccante, fantastica. E, in questi momenti di completa felicità, nessuno pensa che abbiamo problemi di regolazione emotiva, o che siamo esagerati, o che il nostro modo di pensare e sentire sia invalido o disadattivo.

BIBLIOGRAFIA

Beck, A., Rush, A., Shaw, B. & Emery, G. (1979). Terapia cognitiva de la depresión. Desclee de Bouwer. Madrid.
Caballo, V. (1998). Manual para el tratamiento cognitivo-conductual de los trastornos psicológicos. Vol. 2. Siglo XXI. Barcelona.
Caro, I. (comp.). (1997). Manual de psicoterapias cognitivas. Paidós. Buenos Aires.
Millán, D. (2021). Guía autista: Consejos para sobrevivir en el loco mundo de los neurotípicos. Editorial Lulu. España.
Oshio, A. (2009). Development and validation of the dichotomous thinking inventory. Social Behavior and Personality: an international journal.

Articolo di Montse Bizarro, Specialisterne España