SPECIALISTERNE NETWORK

International Specialisterne Community

Specialisterne Foundation

Specialisterne Foundation is a not-for-profit foundation with the goal to generate meaningful employment for one million autistic/neurodivergent persons through social entrepreneurship, corporate sector engagement and a global change in mindset.

SPECIALISTERNE FOUNDATION

l
l

Sicurezza sensoriale (II): l’importanza della tranquillità

Nov 17, 2023

Gli effetti dannosi del rumore sulla salute fisica e mentale sono ben documentati, come ad esempio l’impatto negativo sulle prestazioni da un punto di vista cognitivo e di memoria. La ricerca indica che il silenzio, d’altra parte, può essere benefico per il nostro sistema nervoso, i livelli di energia e l’adattabilità generale agli ambienti complessi. Inoltre, aiuta a ripristinare e condizionare la nostra mente per rispondere meglio alle esigenze della vita e del lavoro. In un ambiente lavorativo frenetico ed esigente, creare opportunità di silenzio è essenziale per recuperare energia e migliorare la produttività.

 

Il silenzio è associato allo sviluppo di nuove cellule nell’ippocampo, la regione del cervello cruciale per l’apprendimento e la memoria. Il silenzio è anche più efficace della musica “rilassante” nello stabilizzare il sistema cardiovascolare e respiratorio. La ricerca sugli open space fornisce prove schiaccianti su quanto gli svantaggi del rumore e della distrazione superano i presunti benefici, come una maggiore collaborazione.

 

Cultura della tranquillità

 

Creare una cultura organizzativa che valorizzi e dia priorità al silenzio e alla sicurezza sensoriale come parte della strategia di inclusione, in particolare della neuroinclusione, richiede trasparenza e partecipazione dei dipendenti. È importante avere conversazioni chiare e aperte sulle aspettative in termini di standard di empatia e considerazione, connettività costante, collaborazione e disponibilità di spazi per concentrarsi sul lavoro.

 

Queste conversazioni sono legate anche a questioni culturali più complesse, come il livello di comfort nel silenzio e l’importanza della concentrazione ininterrotta e del tempo a disposizione per il lavoro approfondito. A meno che non vengano affrontate queste questioni culturali più complesse, è improbabile che le organizzazioni si concentrino veramente sulla sicurezza sensoriale.

 

La cultura aziendale occidentale ha a lungo dato priorità al passaggio da una riunione all’altra e al “sembrare occupato”, spesso a scapito della produttività effettiva. Concentrarsi sulla produttività e sui risultati richiede la creazione di ambienti che consentano di concentrarsi sul lavoro. Come minimo, le organizzazioni dovrebbero fornire spazi sufficienti e protetti per il lavoro più approfondito separati dalle aree trafficate.

 

Alcuni compiti sono intrinsecamente più stimolanti di altri e alcune persone hanno bisogno di più stimoli rispetto ai loro colleghi. È importante prevedere spazi stimolanti per questi ultimi, senza danneggiare le persone e le attività che richiedono una concentrazione silenziosa.

 

A livello pratico, le organizzazioni neuroinclusive possono adottare diverse misure per prevenire il sovraccarico sensoriale sul posto di lavoro:

  1. Identificare i possibili fattori scatenanti. Le organizzazioni (con la partecipazione dei dipendenti neurodivergenti) dovrebbero condurre valutazioni regolari per identificare potenziali fattori scatenanti del sovraccarico sensoriale, come livelli elevati di rumore, illuminazione non regolabile, odori forti e spazi di lavoro affollati.

 

  1. Applicare accorgimenti. Una volta identificati i fattori scatenanti, le aziende possono applicare accorgimenti come l’installazione di materiali fonoassorbenti, la riorganizzazione della disposizione degli spazi di lavoro per ridurre il rumore, la regolazione dei livelli di illuminazione (l’installazione di dimmer è una pratica che consente un utilizzo flessibile e confortevole dell’illuminazione) e la creazione di ambienti di lavoro dai colori neutri in cui è possibile introdurre colori e motivi aggiuntivi con accessori facilmente rimovibili. Migliorare la ventilazione e garantire una rapida rimozione dei rifiuti può aiutare a controllare gli odori forti. La riduzione del sovraffollamento può essere ottenuta con una migliore pianificazione e programmazione o con i necessari cambiamenti nella disponibilità, nell’allocazione e nell’uso dello spazio.

 

  1. Fornire formazione. I dipendenti dovrebbero essere formati sulle cause e sugli effetti del sovraccarico sensoriale. I colleghi neurotipici o senza con bisogni sensoriali specifici spesso minimizzano le preoccupazioni delle persone ipersensibili, facendo affermazioni del tipo “siamo tutti infastiditi dal rumore”, “il mio profumo non è così forte” o “ho bisogno della mia musica per concentrarmi”. ” È importante comunicare che i bisogni sensoriali sono molto più che preferenze o considerazioni su “è tutto nella tua testa”. Le organizzazioni neuroinclusive garantiscono che le norme culturali giuste e rispettose (ad esempio, contenere odori forti e ascoltare musica tramite le cuffie) siano comprese e seguite.

 

  1. Concentrarsi sulla flessibilità. Offrire orari flessibili e opzioni di lavoro a distanza riduce la necessità per i dipendenti di trovarsi in un ambiente eccessivamente stimolante per periodi prolungati.

 

  1. Creare ambienti sicuri in cui poter condividere la propria sensibilità. Normalizza l’accettazione delle differenze sensoriali e risponde alle preoccupazioni con cura e considerazione.

 

  1. Offrire accomodamenti. Offrire accomodamenti ai dipendenti con sensibilità sensoriali, come illuminazione regolabile, spazi silenziosi, cuffie con cancellazione del rumore o lavoro ibrido e remoto. Nella misura in cui la natura del lavoro lo consente, rendere disponibile lo stesso tipo di flessibilità a tutti i dipendenti.

 

Creare un ambiente sensorialmente favorevole per i dipendenti è un aspetto importante dell’inclusione. È inoltre probabile che aumenti la soddisfazione lavorativa e migliori la salute e il benessere di tutti i dipendenti, nonché la produttività e la fidelizzazione.