SPECIALISTERNE NETWORK

International Specialisterne Community

Specialisterne Foundation

Specialisterne Foundation is a not-for-profit foundation with the goal to generate meaningful employment for one million autistic/neurodivergent persons through social entrepreneurship, corporate sector engagement and a global change in mindset.

SPECIALISTERNE FOUNDATION

l
l

Sindrome dell’impostore nell’autismo (parte II)

Ott 6, 2023

Perché la sindrome dell’impostore potrebbe essere più comune nelle persone autistiche che nelle persone neurotipiche?

 

Analizziamo alcune possibili spiegazioni. Innanzitutto, come abbiamo già accennato nell’articolo precedente, noi persone autistiche elaboriamo il mondo in modo diverso e, quindi abbiamo anche alcune particolarità anche in ambito lavorativo (sebbene queste sono generalizzazioni, ricordiamo che tutte le persone autistiche sono diverse tra loro). Preferiamo svolgere un compito dopo l’altro, non contemporaneamente, partecipare a riunioni di team brevi e/o con poche persone, ricevere istruzioni chiare e concise, ecc.

 

Pertanto è possibile che, quando vediamo altri colleghi fare riunioni interminabili o saltare da un compito all’altro senza alcun problema, cominciamo a dubitare di noi stessi (ignorando che abbiamo molte altre virtù) “E se non fossi adatta a lavorare qui? E se si rendessero conto che non sono quello che vogliono che io sia?…”

 

A questo punto è possibile che ci mascheriamo per integrarci con il resto dei nostri colleghi di lavoro; andremo a pranzo con loro anche quando siamo esausti per qualche cambiamento imprevisto in agenda, sopporteremo il ronzio costante dei ventilatori dell’ufficio o delle persone che parlano o mangiano senza dire nulla e, alla fine, ci costringeremo ad adattarci agli altri a scapito della nostra salute mentale.

 

Dobbiamo ricordare che il masking protratto per lungo tempo è pericoloso: la nostra identità viene intaccata, diluita, ed è possibile che dimentichiamo questioni importanti come in cosa siamo bravi o meno sul lavoro, in cosa possiamo eccellere, arrivando addirittura a pensare che siamo impostori e che non meritiamo il nostro ruolo lavorativo.

 

Inoltre, molte persone autistiche hanno un disturbo d’ansia – la prevalenza è tra il 42% e il 79% – e hanno una bassa autostima, in modo particolare le donne autistiche diagnosticate da adulte. Ciò favorisce la costante riflessione sulle nostre prestazioni e la comparsa di distorsioni cognitive, ulteriormente accentuate dalla tendenza alla rigidità e al pensiero dicotomico. “Se ho sbagliato questo, lo sbaglierò sempre”, “Se non lo faccio perfettamente, sarò un fallimento”, “Mi hanno fatto i complimenti per questo lavoro, ma in realtà è stata solo una questione di fortuna”, “Sono sicura che mi riuscirà male, è meglio non provarci nemmeno”, ecc. Questo tipo di pensieri, legati al pessimismo difensivo, “proteggono” la persona dalla sofferenza che un eventuale fallimento causerebbe, ma la privano anche di provare entusiasmo e gioia di fronte a nuovi progetti.

 

Infine, e come dice l’attivista autistico @NaturxSinFiltro in un video sulla sindrome dell’impostore, noi persone autistiche tendiamo ad aver bisogno di certezze su tutto – dati, statistiche, prove oggettive e inconfutabili del nostro valore – ma ci ritroviamo con eterni dubbi: “Il mio successo è un prodotto della fortuna o del mio impegno? Quale percentuale di casualità ha influenzato il risultato finale di questo lavoro? E se fossi davvero arrivato fin qui solo perché gli altri mi hanno aiutato?”

 

Dubbi sulla diagnosi di autismo

 

Le persone autistiche possono anche avere dubbi sulla loro diagnosi, soprattutto se sono state diagnosticate da adulte, se le loro caratteristiche sono “poco visibili” e se sono donne, perché c’è ancora la convinzione che le donne non possano essere autistiche – o che sia qualcosa di molto raro.

 

Perché si verifica la sindrome dell’impostore in relazione alla diagnosi di autismo? Per diversi motivi: in primo luogo, a causa dei commenti negativi provenienti dall’ambiente: “è impossibile che tu sia autistica”, “non c’è niente che non va in te”, “è una sciocchezza”, “perché hai bisogno di un’etichetta?”, “ma se sei normale”, “siamo tutti un po’ autistici” -.

 

Queste opinioni possono essere espresse senza malafede, con l’intenzione di aiutare ma ciò che ottengono, nella stragrande maggioranza dei casi, è invalidare la persona, sminuire tutti gli ostacoli che sicuramente ha dovuto superare per ottenere la diagnosi, interferire in questioni (come l’identità degli altri) che non li riguardano.

 

Inoltre, la letteratura sull’autismo spesso non è aggiornata (articoli scientifici, programmi di master universitari) così come la cultura popolare (film o serie televisive) e l’immaginario collettivo su cosa significhi “essere autistico”; Molte persone credono ad esempio che una persona non possa essere autistica se mantiene un contatto visivo o ha amici. Ciò genera stereotipi basati su immagini archetipiche dell’autismo, ignorando completamente che si tratta di uno spettro. Pertanto, le persone autistiche che non rientrano in questi estremi – cioè la maggioranza – possono arrivare a dubitare della propria diagnosi.

 

Dobbiamo sfatare miti e stereotipi sull’autismo, incoraggiare medici e terapisti ad aggiornare le loro conoscenze sull’argomento e continuare a rendere visibile l’autismo tra la popolazione per aumentare le diagnosi dei casi meno evidenti, migliorare la qualità della vita di tutte le persone e ridurre, per quanto possibile, quegli eterni dubbi sulla diagnosi e su se stessi.

 

Scritto da Montse Bizarro.

 

Note:

 

Augusto Della Torre, M. L. (2021). Effetti del camuffamento sulla salute mentale delle persone con disturbo dello spettro autistico [Lavoro di sufficienza professionale per qualificarsi per la Laurea Professionale in Psicologia, Università di Lima]. Repository Istituzionale – Ulima.

 

Magiati, I., Ozsivadjian, A. e Kerns, C. M. (2017). Fenomenologia e presentazione dell’ansia nel disturbo dello spettro autistico. In C. M. Kerns, P. Renno, E. A. Storch, P. C. Kendall e J. J. Wood (a cura di), Ansia nei bambini e negli adolescenti con disturbo dello spettro autistico: valutazione e trattamento basati sull’evidenza (pp. 33–54). Stampa accademica Elsevier.

 

Silvia [Naturx Sin Filtro] (5 giugno 2023). Sindrome dell’impostore (età adulta) [Video]. Youtube. https://www.youtube.com/watch?v=2KfVpymyjCs&t=217s