SPECIALISTERNE NETWORK

International Specialisterne Community

Specialisterne Foundation

Specialisterne Foundation is a not-for-profit foundation with the goal to generate meaningful employment for one million autistic/neurodivergent persons through social entrepreneurship, corporate sector engagement and a global change in mindset.

SPECIALISTERNE FOUNDATION

l
l

L’espansione di Specialisterne in Sud e Centro america

Mar 10, 2023

Dopo aver trascorso anni realizzando progetti di inclusione nei Paesi del Centro e Sud America, Specialisterne ha finalmente stabilito una base a Città del Messico grazie alla collaborazione con Banca Interamericana di Sviluppo (IDB), con l’obiettivo di centralizzare le proprie operazioni, creando così il primo HUB nel territorio del Centro America, oltre alla sede in Brasile.

Considerando gli sforzi commerciali nelle diverse regioni, possiamo osservare 3 aspetti interessanti. In primo luogo, Paesi che apparentemente hanno un tessuto imprenditoriale potente con un’ampia gamma di opportunità per inserire nel mondo del lavoro personale neurodivergente, mancano sia di aree di diversità organizzata che definiscano obiettivi di diversità e inclusione, sia di linee di bilancio che coprano progetti come quelli realizzati da Specialisterne. C’è pochissima consapevolezza sulla neurodiversità, quindi il lavoro di sensibilizzazione è essenziale. Nei Paesi con minore presenza di imprese internazionali, invece, la mentalità è completamente diversa e troviamo aziende (in molti casi anche locali) alla ricerca di budget per realizzare iniziative di inserimento lavorativo. Infine, assistiamo a un andamento della domanda dei nostri servizi in alcuni paesi dove o sta iniziando o sono già state approvate leggi su quote o obblighi da parte di aziende con un certo volume di fatturazione, per destinare risorse ad azioni di diversità.

Pertanto possiamo vedere che, pur avendo una maggiore presenza imprenditoriale o un PIL più elevato, ciò che influenza lo sviluppo dei programmi di inclusione lavorativa è la cultura di ciascun paese basata sulla sua maturità in relazione alla diversità e ai benefici che può offrire dal punto di vista non solo del mercato, ma anche dell’intera società nel suo insieme. Per questo motivo, possiamo trovare interessanti parallelismi. In alcuni paesi, ad esempio, molte persone neurodivergenti ricevono una diagnosi molto precoce, aiuti finanziari, orientamento accademico, ecc. ma, una volta raggiunta l’età adulta, non hanno possibilità di completare il ciclo professionale. Invece nei Paesi dove questa situazione si ribalta, pur non avendo a volte nemmeno una diagnosi, le aziende optano per programmi di inserimento che si rivelano vincenti nella fase lavorativa del personale neurodivergente.

A causa di queste differenze, che potremmo definire politico-giuridico, in molte regioni del mondo la neurodiversità è entrata a far parte delle agende di molti consigli di amministrazione. Abbiamo avuto un’attenzione molto visibile negli ultimi anni in termini di uguaglianza di genere, equità etnico-sociale o politiche di orientamento sessuale, ma la maggioranza delle aziende non ha definito una strategia chiara verso le neurodivergenze. Ecco perché, sebbene non ci piaccia questo innesco legale, i governi stanno accelerando un processo che prima o poi sarebbe penetrato nello strato più esecutivo delle grandi aziende. Stiamo riscontrando una maggiore richiesta in termini di progetti di consulenza strategica dove le aree Diversità & Inclusione o Risorse Umane richiedono il supporto di Specialisterne nella definizione di obiettivi, metodi di misurazione dell’impatto, piani d’azione a breve termine e a lungo termine o policy di audit, protocolli che assicurano che l’organizzazione sia più inclusiva nei suoi processi di selezione, “valutazione”.

È vero che c’è ancora del lavoro da fare in Centro e Sud America, e sarà necessario riuscire ad adattarsi alle esigenze di ogni paese in base al suo livello di maturità nei confronti dell’inclusione lavorativa per realizzare il numero massimo di possibili azioni di che risultino in opportunità di lavoro per persone neurodivergenti, ma che siano dovute alle tendenze, all’assimilazione del mercato, al cambiamento delle leggi o alla mentalità dei leader che prendono le decisioni, crediamo che i prossimi anni saranno un prima e un dopo nella prospettiva della neurodiversità e di come valorizzarla a livello globale.

[Articolo di Marc Puiggalí, responsabile espansione di Specialisterne España]