SPECIALISTERNE NETWORK

International Specialisterne Community

Specialisterne Foundation

Specialisterne Foundation is a not-for-profit foundation with the goal to generate meaningful employment for one million autistic/neurodivergent persons through social entrepreneurship, corporate sector engagement and a global change in mindset.

SPECIALISTERNE FOUNDATION

l
l

Una guida alle vacanze neuroinclusive

Dic 22, 2023

Un recente rapporto dell’American Psychological Association mostra che per il 41% dei cittadini statunitensi adulti, le festività natalizie sono un periodo di particolare stress. E mentre molte persone trovano le vacanze travolgenti o stancanti, per molte persone neurodivergenti lo stress può essere particolarmente pronunciato a causa delle maggiori aspettative di performance sociale e masking, stress sensoriale e ulteriore stress intersezionale, come quello finanziario.

Chi pianifica eventi festivi sul posto di lavoro farà del suo meglio per ricordare che, per alcuni, le attività tipiche delle vacanze possono essere tutt’altro che piacevoli, e il divertimento obbligatorio sul lavoro può peggiorare la situazione. Questa diversità di reazioni significa che la pianificazione delle festività sul posto di lavoro richiede molto di più che fare semplicemente ciò che funziona per una persona; richiede la comprensione di molte dinamiche che influenzano l’esperienza della vacanza.

La neurodivergenza è un fattore importante da considerare nella pianificazione delle vacanze. Inoltre, una prospettiva intersezionale può aiutare a garantire che tutti i membri si sentano apprezzati e riconosciuti, contribuendo a creare una comunità o un luogo di lavoro più armonioso e coeso.

 

Rispettare la diversità sensoriale e fisica

 

Creare un ambiente di lavoro inclusivo durante le festività natalizie implica molto più che semplicemente celebrare le diverse tradizioni culturali; significa anche considerare le diverse esigenze e sensibilità di tutti i dipendenti. Un aspetto cruciale da affrontare è la sensibilità sensoriale, che può avere un impatto significativo sulle persone neurodivergenti, sebbene sia rilevante anche per molte altre.

La sensibilità sensoriale può manifestarsi in vari modi. Alcune persone potrebbero trovare le luci brillanti e lampeggianti non solo irritanti ma potenzialmente dannose. Altri potrebbero sperimentare un sovraccarico sensoriale dovuto alla musica ad alto volume, al vociare amplificato o alla cacofonia generale di un evento affollato. Odori, sapori, consistenze, temperatura: insieme a immagini e suoni, la sensibilità a qualsiasi esperienza sensoriale combinata con la mancanza di controllo sull’ambiente può portare a disagio, ansia, blocchi sensoriali, emicrania e persino convulsioni.

È essenziale adeguare questi fattori ambientali per rendere gli eventi festivi più inclusivi. Ciò potrebbe significare optare per un’illuminazione più morbida e stabile invece di luci forti e lampeggianti. Non si tratta solo di ridurre i danni potenziali; si tratta di creare un’atmosfera accogliente in cui tutti si sentano a proprio agio.

Allo stesso modo, può essere utile riconsiderare il volume e il tipo di musica riprodotta. Livelli di volume più bassi e la scelta di musica meno invadente possono fare una differenza significativa per le persone con ipersensibilità uditiva.

Forse uno degli aggiustamenti di maggior impatto è fornire uno spazio tranquillo. Non deve essere necessariamente elaborato: una stanza semplice e tranquilla, lontana dal trambusto, dove le persone possono prendersi una pausa, decomprimersi o semplicemente godersi un momento di solitudine e tregua dai festeggiamenti può fare la differenza.

 

Nel creare un ambiente di lavoro inclusivo, soprattutto durante le vacanze e gli eventi, è fondamentale rispettare i confini personali relativi al contatto fisico. Il contatto obbligatorio, come la stretta di mano, l’abbraccio o anche il cinque, può essere scomodo o angosciante per molte persone. Ciò non vale solo per le persone neurodivergenti: le differenze nelle preferenze tattili possono derivare da differenze culturali, storia di abusi, preoccupazioni per le infezioni o semplicemente dal valore dello spazio personale.

 

Durante le vacanze è anche importante ricordare che molte persone hanno esigenze o sensibilità alimentari specifiche. Queste possono variare da peculiarità sensoriali neurodivergenti con determinate consistenze o sapori a restrizioni dietetiche dovute a condizioni legate alla salute. È importante che gli organizzatori di eventi festivi tengano conto di queste esigenze offrendo una varietà di opzioni alimentari inclusive. Ciò potrebbe includere opzioni chiaramente etichettate senza glutine, senza latticini, a basso contenuto di sale o a basso contenuto di spezie. Fornire informazioni dettagliate sugli ingredienti di tutte le offerte alimentari può anche aiutare le persone neurodivergenti e quelle con sensibilità alimentari specifiche a orientarsi più comodamente nelle loro scelte alimentari.

 

Oltre al cibo, le bevande durante le festività possono essere una delle principali fonti di conflitto e stress. Le persone non dovrebbero mai sentirsi obbligate a bere alcolici o obbligate a fornire spiegazioni per non berne. A volte, quando si tratta di bevande, la semplicità è la migliore. Fornire bevande appetibili e sicure per la maggior parte delle persone, come acqua e tè, può alleviare parte dello stress.

 

Rispettare la diversità energetica

 

Un aspetto spesso trascurato della pianificazione delle vacanze è riconoscere la diversità nella necessità di riposo, sonno, routine e gestione dei livelli di energia. Le persone neurodivergenti possono sperimentare modelli energetici diversi. Alcuni potrebbero aver bisogno di più tempo per ricaricarsi a causa delle accresciute esigenze sensoriali e sociali degli eventi festivi. Ciò può essere risolto programmando gli eventi in orari che non interrompano i normali schemi di riposo (ad esempio, evitando eventi a tarda notte), fornendo spazi tranquilli per le pause e rispettando la necessità di abbandonare presto gli eventi per riposare.

 

Rispetto diversità emotiva

 

Il periodo delle vacanze può essere impegnativo per molti motivi personali, tra cui dolore, perdita, stress o problemi di salute mentale. Riconoscere e accogliere queste differenze emotive è essenziale per rispettare la persona nella sua interezza e garantire un ambiente lavorativo inclusivo. Nessuno dovrebbe mai vergognarsi di non partecipare alle attività.

Offrire ai dipendenti la possibilità di scegliere di partecipare ad attività festive tiene conto delle preferenze e delle circostanze individuali. È altrettanto importante rispettare e sostenere coloro che scelgono di non partecipare a determinati eventi o di offrire alternative di basso profilo. Questo rispetto per le scelte individuali aiuta a creare una cultura comprensiva sul posto di lavoro, in cui i dipendenti si sentono apprezzati e curati indipendentemente dalla loro partecipazione agli eventi festivi.

 

Rispetto della diversità finanziaria

 

La precarietà finanziaria e l’ansia finanziaria sono situazioni spiacevoli nella vita di molte persone, e molti individui e famiglie neurodivergenti ne sono influenzati a livello intersezionale. Quando la pianificazione delle vacanze è nelle mani dei membri più privilegiati dell’organizzazione, la prospettiva di coloro che sono meno sicuri dal punto di vista finanziario potrebbe andare persa. Nelle organizzazioni inclusive, tuttavia, la sensibilità finanziaria dovrebbe essere una considerazione chiave nella pianificazione delle feste sul posto di lavoro. È essenziale riconoscere che non tutti i dipendenti potrebbero sentirsi a proprio agio o essere in grado di permettersi la partecipazione ad attività come scambi obbligatori di regali o eventi che richiedono spese aggiuntive in cibo o abbigliamento.

Per accogliere la diversità finanziaria, valuta la possibilità di offrire alternative ad attività costose o di rendere tali eventi completamente facoltativi. Questo approccio può ridurre significativamente la pressione finanziaria e lo stress associati alle spese delle feste. Riconoscendo e adattandosi alle sensibilità finanziarie, i datori di lavoro possono creare un ambiente più inclusivo e premuroso che rispetti le circostanze di tutti i dipendenti. Oppure, se un’organizzazione sta spendendo per organizzare una festa o regalare ai dipendenti articoli natalizi come ornamenti, prendi in considerazione l’offerta di un’alternativa: un’opzione per selezionare un regalo pratico, una carta regalo o semplicemente un bonus vacanza. Da una prospettiva più ampia, valutare i salari e le strutture di incentivi alla luce dell’inflazione, del costo della vita, delle possibili disparità tra gruppi e dell’equità generale; una retribuzione migliore potrebbe essere la migliore notizia per le vacanze dei dipendenti.

 

Pianificazione delle vacanze inclusive

 

La pianificazione inclusiva coinvolge la caratteristica chiave delle culture neuroinclusive: la partecipazione, il coinvolgimento attivo di un gruppo eterogeneo nel fornire input e nell’organizzazione di eventi e attività. Questo approccio garantisce che vengano prese in considerazione varie esigenze, come i bisogni sensoriali, le restrizioni dietetiche, le osservanze religiose e le esigenze di assistenza. Includendo un’ampia gamma di prospettive nel processo di pianificazione, l’organizzazione può creare eventi più accoglienti e accomodanti per tutti.

 

Un’altra caratteristica distintiva dei sistemi inclusivi è l’attenzione al feedback e al miglioramento continuo. Incoraggiare un feedback aperto e onesto dopo gli eventi consente una migliore comprensione delle diverse esigenze e preferenze. Queste informazioni possono contribuire a rendere gli eventi futuri più inclusivi e divertenti per tutti i dipendenti: un segno di impegno per l’apprendimento continuo e la crescita dell’inclusività.

 

In sintesi, la realizzazione di celebrazioni festive inclusive richiede un approccio inclusivo e partecipativo. Quando pianifichiamo pensando a tutti, non stiamo solo celebrando le festività: stiamo celebrando la nostra umanità collettiva in tutta la sua diversità.

 

Di Ludmila Praslova, Ph.D., SHRM-SCP